sabato 2 ottobre 2010

tutorial: UN ALBUM COLORATO



gran daffare in legatoria...
con avanzi che custodisco sempre gelosamente perchè "non si sa mai", ho messo insieme un piccolo album.
il risultato è stato... variopinto, e poteva anche venire meglio di così, ma siccome poteva essere anche peggio, tutto sommato non c'è male.
che ne dite?

adesso vi spiego cosa ho fatto.

prima di tutto, vi do' 2 riferimenti bibliografici sul cartonaggio e sulla rilegatura. tutto quello che so in materia lo devo a loro!

seconda cosa, i materiali:

- cartoncini colorati
- carta velina colorata
- cartoni pressati (per esempio quelli di fondo dei blocchi di carta da disegno o simili)
- cartone pressato detto da dorsino
- carta per la copertina
- tela da cartonaggio
- colle: a nastro e vinavil
- pennello per spalmare la colla
- pieghetta o un cucchiaio
- penna scarica
- matita appuntita e gomma
- squadra e righello

terza cosa, le spiegazioni.

1) preparazione del corpo (detto anche anima, cioè tutti i fogli che legati tra loro formano l'album)
a) tagliare i fogli dai cartoncini colorati: i miei misurano circa 24x16,5 cm;
b) sul lato ruvido dei cartoncini, con la biro scarica e il righello, tracciare calcando bene una riga a 1 cm di distanza dal bordo sul lato corto;
c) piegare lungo la linea di incisione;










d) tagliare i rettangoli di carta velina colorata: le misure corrispondono a quelle dei cartoncini ma più piccole di 1 cm su tutti i lati (nel mio caso misurano 22x15,5 cm) e nella stessa quantità meno 2 (nel mio caso: 32 cartoncini e 30 veline);
e) ora viene il bello: assemblare cartoncini e veline.
- passare la colla a nastro sul lembo piegato del cartoncino;
- appoggiare una velina sopra la colla;
- nastrare di colla il lembo coperto dalla velina
- premerci sopra un altro cartoncino, badando di incollarlo in modo che il lembo di 1 cm stia sempre sopra
- proseguire così fino ad esaurimento del materiale.


il corpo è pronto, e sarà un po' sbilenco: se non ci fossero sbavature troppo evidenti, vi consiglierei di lasciarlo com'è, in rispetto di uno stile davvero hand-made, anche x' rifilarlo a mano (come ho fatto io) quasi sempre vuol dire rimpicciolire le pagine ad una misura che poi è poco sfruttabile per le fotografie; a meno che la tipografia sotto casa non vi dia una mano...
in questo caso, siccome la mia rifilatura è stata la schiacciante vittoria della sbilencatura, mi sono rivolta al tipografo, il quale mi ha suggerito, la prossima volta, di andare subito là, prima di fare altro danno...


2) copertina e rilegatura (purtroppo non ho foto x' presa dalla foga non ne ho fatte...)
a) dal cartone più spesso ricavate i due rettangoli della copertina prendendo le misure in questo modo: in larghezza, la larghezza del corpo meno 4 mm; in altezza, l'altezza del corpo più 8 mm;
b) dal cartone da dorsino ricavate un rettangolo che misuri:
- altezza: uguale a quella delle copertine;
- larghezza: lo spessore del corpo più una copertina. per prendere questa misura, vi conviene appoggiare sul tavolo il corpo, metterci sopra una copertina, appoggiare una squadra al tavolo e al dorso e leggere la misura indicata, ma SENZA PREMERE;
c) la copertina è rivestita in tela sul retro, sul dorso e sui bordi estremi del davanti. quindi per le misure si opera così:
NB: la tela da legatoria ha il rovescio in carta sul quale potete riprodurre lo schema delle misure

d) ora potete incollare con il vinavil diluito con acqua (deve avere la consistenza dello yogurt):
- con il pennello spalmate di colla il cartone del retro, dal centro verso l'esterno;
- incollatelo sul lato in carta della tela seguendo le linee di riferimento; con attenzione, ribaltate il tutto e ripassate sulla tela appena incollata premendo bene con la pieghetta/cucchiaio in modo da togliere le bolle d'aria. ATTENZIONISSIMA!!! il vinavil è trasparente, ma non sulla tela: eventuali macchie non verranno via...
- stesso procedimento per il dorsino, che va incollato a 7 mm dai piatti di copertina: i due canali che si formeranno rispettivamente a destra e sinistra del dorsino sono le cerniere che permettono di aprire e chiudere l'album;
- infine, sempre nella stessa maniera, si incolla anche l'altro piatto (il davanti)
e) ora tocca ai rimborsi (il margine di 1,5 cm che c'è tutt'attorno):
- negli spigoli di destra noterete due "x": significa che dovrete tagliare quei 2 angolini, seguendo la diagonale tracciata;
- uno alla volta, spennelare di colla un bordo e poi piegarlo sul cartone, premendo bene con la pieghetta/cucchiaio.

f) il bordino dello spigolo di destra del piatto davanti è un rettangolo di tela che misura:
- altezza: 1,5 cm + altezza piatto + 1,5 cm;
- larghezza: 1,5 cm + larghezza desiderata (in questo caso: 1,5 cm) + 0,5 cm (margine di sovrapposizione carta-tela).
si procede come prima, solo che stavolta, date le dimensioni esigue, è più semplice spalmare la colla direttamente sulla tela.
g) la carta. finalmente una cosa semplice! le misure si ricavano così:
- altezza: 1,5 cm + altezza piatto + 1,5 cm;
- larghezza: lo spazio non rivestito del piatto + 0,5 cm per parte per la sovrapposizione della carta sulla tela.
si spalma di colla la parte di carta che ricopre il piatto e FACENDO MOLTA ATTENZIONE A NON SPORCARE LA TELA, si posiziona e si preme con la pieghetta/cucchiaio per togliere grinze e bolle d'aria; dopodichè, si passa ai bordi.

h) la rilegatura (dai, che manca poco!)
- posizionare il corpo dentro la copertina;
- sollevare uno dei piatti;
- mettere un foglio sotto la prima pagina del corpo, che sia grande abbastanza da fuoriuscire di un paio di cm almeno tutt'attorno;
- spalmare di colla la prima pagina e incollarla sul cartone, premendo bene per fare aderire dappertutto;
- ribaltare il tutto e ripetere per l'altra parte.

FINITO!

poi, per evitare che la copertina s'imbarchi asciugando, mettete l'album sotto dei libri in questo modo: sul tavolo, aprite la copertina dell'album e metteteci sopra dei libri; stessa cosa con l'altro piatto. insomma, alla fine vi troverete così:


2 commenti:

vogliounamelablu ha detto...

Il tuo album è bellissimo! I colori vivaci sprizzano energia e il Pulce ormai ti conosce bene. Ha provato ad usare i gessetti (sono il MASSIMO!! - dice) che io ho fissato con la lacca dei capelli, ma ora cerco di tenere l'oggetto un po' da conto per restituirlo al suo scopo originario, contenere ricordi e foto dei piccoli. O no?!?! BRAVISSIMA!!!!!!

vogliounamelablu ha detto...

per caricare le foto ti conviene inserirne una alla volta proprio nel punto del testo in cui deve essere visualizzata. Centrarla non è spesso scontato, ma devi lavorare con gli acapo e la centratura anche del testo. Facciamo così, quando (e se) torno ti faccio vedere. Che dici?!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...