martedì 24 luglio 2012

tutorial: CARTA TERMOADESIVA e SACCHETTINI

per cercare di prolungare il più possibile i benefici di una bellissima domenica di giochi, oggi mostro&dimostro quel che ho fatto prendendo spunto dalla grande idea di Linda, dalla richiesta fattami tempo fa da una compagna di fuga che chiedeva spiegazioni sull'utilizzo della carta termoadesiva, dall'esigenza ormai pressante di tenere a posto i mille carrarmatini del RisiKo! (per una serie di fortunose circostanze, abbiamo ben 3 scatole di gioco...).


per chi non conosce il RisiKo!, bisogna spiegare che l'accessorio fondamentale per lo svolgimento del gioco sono le armate, cioè i carri armati, che sono di 6 colori diversi, uno per ogni giocatore (scendono a 4 però nella versione tascabile); nella scatola nuova, essi si trovano sigillati in sacchettini di plastica a perdere: per cui, già dopo la prima partita il rischio di seminarli in giro è altissimo se non si prendono provvedimenti.
finora ho optato con dei sacchetti richiudibili, ma l'idea non mi ha mai soddisfatto: prima o poi anche questi si rompono e trovarli della dimensione giusta perchè s'incastrino negli scomparti della scatola non è così facile...

servono:
- stoffa colorata (toppa da applicare; nel mio caso: pannolenci)
- carta termoadesiva
- cotonina e cordoncino per i sacchettini
- cartoncino di recupero

per prima cosa ho preparato i cartamodelli:
- servendomi 2 taglie diverse di sacchetto (una per le scatole normali, l'altra per la versione da viaggio), ho preparato due rettangoli di cartoncino con le rispettive misure; ho poi scaricato l'immagine del carrarmato, ingrandita con gimp, stampata, ritagliata e ricalcata sul cartoncino:


- cartamodelli alla mano, ho provveduto a ricalcarli sulle stoffe dei sacchetti e sul pannolenci; poi ho ritagliato il tutto. ho scelto il pannolenci per il carro perchè non si sfilaccia.

mmh... ho applicato subito il carrarmato, 
ma non è stata una grande idea... fatelo dopo!

ora le cuciture:
- innanzitutto ho provveduto a contornare ogni pezza con uno zig-zag per impedire il più possibile lo sfilacciamento;
- dopodichè, ho piegato un pochino di stoffa lungo il lato lungo e l'ho cucita, formando così il tunnel per far passare il cordoncino;
- ho piegato a metà la pezza ottenendo un quadrato e ho cucito lungo il lato opposto a quello della piegatura, partendo appena dopo la cucitura del tunnel: questo buco servirà dopo per far passare il cordoncino




per evitare che la cucitura ceda nella foga di tirar fuori le armate, ho cucito il fondo in questo modo:

la cucitura laterale si trova così in centro al sacchetto e non sul fianco



rivoltato sul dritto, è il momento delle toppe colorate.

- ho disposto tutti i carri sulla carta termoadesiva, sul lato non di carta, incastrandoli il più possibile per non lasciare sprechi;




- poi, per evitare di incollare la piastra del ferro e/o la tela dell'asse da stiro, li ho coperti con un ritaglio di stoffa, e ho stirato col ferro caldissimo MA SENZA VAPORE;




- infine, ho girato il tutto in modo da avere il lato carta in alto e ho ripassato il ferro;
- con tanta, tantissima pazienza ho poi ritagliato tutte le sagomine (12 grandi e 4 piccole)



- tolta la carta dalla sagoma, l'ho posizionata in centro al sacchettino e di nuovo con un colpo di ferro caldissimo MA SENZA VAPORE l'ho incollata. l'idea era quella anche di cucire il carrarmato, ma tutto sommato la colla tiene bene, le cuciture a macchina sono quasi impossibili per via dei piccoli particolari del cannone, e non avevo voglia di cucire a mano.

a questo punto, tocca al cordoncino:




la foto è venuta un po' così, ma in sostanza, aiutandomi con una spilla da balia, ho infilato il cordoncino facendolo passare dai buchi lasciati all'inizio.





immagine presa da qui




alle estremità del cordino ho fatto un nodo francescano (bellissimo!).







poi li ho riempiti di carrarmati, ho tirato il cordino e l'ho legato come fosse una scarpa.

tah-dan!


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...